fbpx

Cos’è l’intelligenza emotiva e perché ti cambia la vita

Cos’è l’intelligenza emotiva e perché ti cambia la vita


A cura di Maria Giovanna Venturini

 

L’intelligenza emotiva è una competenza allenabile che ci permette di integrare pensieri ed emozioni per arrivare a prendere buone decisioni, sostenibili nel lungo periodo, ecologiche per noi e per il “sistema mondo” nel quale viviamo: attraverso di essa possiamo costruire e mantenere buone relazioni.

I primi studiosi a introdurre il tema furono Peter Salovey e John D. Mayer, due professori universitari americani. Successivamente lo psicologo Daniel Goleman pubblicò il libro Intelligenza Emotiva: che cos’è e perché può renderci felici, diventando il padre ufficiale di questo concetto. In realtà ne è il divulgatore per eccellenza.

Ti interessa sapere cosa è davvero l’intelligenza emotiva e come si fa ad allenare? Continua a leggere, te lo spiego proprio in questo articolo: potrebbe esserti utile sia a livello personale che per supportare il tuo lavoro con i clienti. 

Buona lettura!

 

Cosa significa intelligenza emotiva?

Grazie all’intelligenza emotiva raggiungi uno stato di equilibrio tra razionalità ed emozioni.

Ebbene sì: le emozioni non sono da relegare solo ai “piccoli problemi di cuore”, ma possono (e dovrebbero) essere usate in modo intelligente, per poterle vivere appieno utilizzando il significato profondo che portano con sé, le informazioni preziose che ci offrono! 

Padroneggiare questa competenza e lavorare con intelligenza emotiva infatti, è ciò che permette a te e ai tuoi clienti di affrontare e agire rispetto alle sollecitazioni dell’ambiente esterno in modo corretto, intenzionale e costruttivo. La diretta conseguenza è una piena realizzazione dei propri obiettivi e una vita appagante.

Quando parlo di emozioni non mi riferisco solo a quelle personali ma anche a quelle altrui

La consapevolezza che un’emozione possa guidare le nostre azioni ci permette di riconoscere i processi che la generano così che possiamo gestirla e valutarne l’impatto su di noi e sugli altri.

 

A cosa serve l’intelligenza emotiva?

Saper riconoscere e gestire le proprie emozioni aiuta nelle relazioni e quindi anche nel lavoro

Comprendere natura e origine dei propri stati d’animo e delle proprie emozioni (riconoscendo anche la differenza tra gli uni e le altre) rende il raggiungimento degli obiettivi più mirato perché ti permette di focalizzarti solo su ciò che è importante.

Quando cambi ciò che provi cambi ciò che puoi fare, crei uno stato ottimale per agire anziché reagire. Il tutto passa attraverso un utilizzo intenzionale del nostro pensiero, un mindset corretto.

Cosa succede a una carriera quando manca l’intelligenza emotiva

Le prestazioni si abbassano, la motivazione decresce, i rapporti con capo e colleghi si incrinano. Non considerare la presenza e il potere delle emozioni nel lavoro è un vero e proprio errore che ci impedisce di costruire il futuro che desideriamo, e impatta fino al 60,23% sulle performance (a parità di competenze tecniche).

Ti è già capitato di avere clienti che ti hanno chiesto aiuto perché faticano nella gestione delle emozioni o desiderano costruire relazioni più efficaci?

Tu stesso/a senti di avere qualche area di miglioramento in questo? 

Sai che i livelli di intelligenza emotiva sono misurabili e allenabili?

 

Le 10 soft skills dell’intelligenza emotiva

Le soft skills che portano al successo (inteso come capacità di far succedere ciò che si desidera) sono quelle che consentono di:

– capire sé stessi e gli altri;

– gestire il proprio stato al fine di perseguire obiettivi eccellenti;

– comunicare intenzionalmente facilitando la collaborazione e creando un clima positivo ed empatico, aperto alla relazione;

– risolvere e gestire problemi complessi valutando i rischi e gestendo la pressione.

 

Nel modello alla base del mio corso Emotional Intelligence for Coaches vengono valutate 4 aree specifiche che comprendono le 10 soft skills dell’intelligenza emotiva.

Vediamone una per una nel dettaglio.

 

Prima area: Self Awareness

È la capacità di comprendere e riconoscere le proprie emozioni e quelle altrui, di trarne significato per capire meglio la realtà che ci circonda e il nostro modo di starle davanti.

Si tratta dell’autoconsapevolezza che ti aiuta a riconoscere le emozioni e destrutturare gli schemi mentali che metti in atto, permettendoti di agire intenzionalmente diventando efficace.

 

Seconda area: Self Management

È la capacità di autogestione, di gestire sé stessi e il proprio stato emotivo: essere intenzionali e utilizzare il pensiero sequenziale per valutare costi e benefici prima di compiere un’azione.

Ha a che fare anche con la capacità di guardare oltre i problemi per trovare soluzioni innovative esercitando l’ottimismo e la creatività.

 

Terza area: Relations

È la capacità di costruire e mantenere buone relazioni, di confrontarsi mostrando empatia, di riconoscere i confini e agire per il bene proprio e degli altri usando l’assertività.

Le competenze di quest’area sono la capacità di comunicare intenzionalmente, di essere empatici e di costruire e mantenere relazioni efficaci.

 

Quarta area: Focused Actions

È l’orientamento all’obiettivo, la capacità di mantenere il focus e agire, di trovare la propria motivazione intrinseca e sostenere gli altri nel trovare la loro. 

Ha a che fare con la capacità di perseguire obiettivi di lungo periodo ed “ecologici” per il sistema con il quale siamo interconnessi, rimandando la gratificazione.

 

La competenza che ti porta al successo

Ma quindi l’intelligenza emotiva si impara o è innata?

L’intelligenza emotiva si impara e si può allenare quotidianamente: è più facile farlo seguendo un percorso guidato da professionisti, uscendo dalla propria area di comfort e iniziando a comprendere le dinamiche comportamentali indotte dal nostro cervello. 

Le neuroscienze ci aiutano nel farlo e attraverso di esse partiamo da dati scientifici e misurabili per comprendere meglio noi stessi e gli altri.

Durante il corso Emotional Intelligence for Coaches, professionisti della relazione di aiuto (coach, counselor, psicologi…) ma anche HR e team leader, apprendono strumenti pratici per gestire se stessi e sostenere gli altri nel raggiungimento di consapevolezza, gestione delle emozioni e raggiungimento degli obiettivi.

Frequentando il corso di intelligenza emotiva, come professionista lavorerai su queste tematiche sia in un’ottica di crescita personale che allo scopo di facilitare i processi di miglioramento e cambiamento negli altri.

Diventare smart con le emozioni cambia la vita perché ottimizza le risorse e ti rende intenzionale: la possibilità di migliorare davvero e crescere passa così sotto la sfera della nostra responsabilità.

 

 

ALLENA LA TUA INTELLIGENZA EMOTIVA

Inizia il percorso che permette a te e ai tuoi clienti o collaboratori
di allenare l’intelligenza emotiva e accrescere la performance

 

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.